TerraQuila – Tre Sassi

TerraQuila – Tre Sassi

Maggio 13, 2018 0 Di lasecondadolescenza

La filossera è un microscopico afide che, dalla seconda metà dell’800, a partire da Francia e Inghilterra, iniziò la sua inarrestabile invasione di tutto il continente europeo distruggendo ogni pianta di vite sul suo cammino. Solo le piante in alcuni territori estremi – vulcanici, sabbiosi o molto freddi – hanno resistito alla moría e rappresentano oggi una riserva ampelografica inestimabile, la versione Neanderthal della vite. Con questo vino, in invece, ho scoperto che anche un terreno vicino a un fonte di acqua ricca di zolfo si era rivelato inospitale per l’insettino, permettendo la sopravvivenza di una varietà unica, il verdicchio di Guglia. L’adozione di queste piantine “preistoriche” è interamente da attribuire all’Indiana Jones Romano Mattioli dell’azienda Terraquila, nel comune di Guiglia, da cui prende il nome questa nuova varietà. C’è voluto tempo, c’è voluta dedizione e c’è voluta tanta esperienza per ottenere i primi grappoli e lavorarli nella maniera più naturale possibile fino a dare alla luce il rifermentato Tre Sassi. Un vino fresco e diretto, con una bella acidità e un profumo armonioso e inteso. Un vino che parla di una resistenza antica, ma con l’immediatezza che solo le cose buone e oneste possono avere. Un vino resuscitato e per questo più vivo che mai. . . . #ancestrale #rifermentato #tresassi #vinonaturale #vinobiologico #viniveri #terraquila #guiglia #verdicchio #wine #emilia #vino #modena #saturday #winelife #winelovers #winesaturday #winegeek #vinnaturel #vinvivant

Un post condiviso da Lasecondadolescenza (@lasecondadolescenza) in data: